CENTRO ITALIANO DI SCAMBI CULTURALI – VIK

 

Informazioni generali:

Esiste una lunga storia di scambio e di sostegno alla popolazione civile palestinese della Striscia di Gaza, nonchè decine di iniziative e continue richieste di partecipazione e di reciproco scambio culturale tra le giovani generazioni di queste aree del mediterraneo.

Progetti di cooperazione e di solidarietà, realizzati con la popolazione civile che vive lontana e segregata a causa di decisioni politiche ed economiche di divisione.

Molte associazioni locali e italiane, hanno realizzato in questi anni decine di progetti culturali e sportivi, per integrare e connettere le giovani generazioni, che di più pagano il prezzo di questo isolamento, per ribadire il principio del diritto internazionale attraverso programmi di sostegno e di scambio reciproco.

Uno dei progetti realizzati nel 2011 è il “Centro Italiano di Scambio Culturale “VIK” (titolato a Vittorio Arrigoni, volontario e attivista per i diritti umani ucciso a Gaza), sostenuto da una cordata di associazioni italiane e palestinesi. Nel Centro si svolgono diverse attività e iniziative in cooperazione con le associazioni locali che operano sul territorio, con interventi culturali allo scopo di rafforzare lo scambio reciproco di conoscenze e relazioni umane tra le diverse culture. Il centro si propone di realizzare gemellaggi e partnership didattici lo scambio di volontari e studenti, coinvolgendo istituti scolastici e università di entrambe i paesi.

Nei circa 365 chilometri quadrati di Gaza vivono oltre un milione e mezzo di palestinesi, che dipendono per la maggior parte dagli aiuti alimentari internazionali; le infrastrutture sono disastrate, la disoccupazione supera il 60%, intanto l’assedio non si sblocca e stringe la popolazione in una morsa. Dall’instaurarsi del regime di facto di hamas ad oggi con la proclamata riconciliazione, le autorità di occupazione e quelle egiziane, che controllano le frontiere di questo pezzo di terra, pongono molte limitazioni, soprattutto la possibilità di movimento degli esseri umani. Le associazioni, ancora esistenti e in grado di resistere alle chiusure e alle negazioni delle autorità si impegnano ad intraprendere percorsi di vita necessari alla propria quotidianità sotto assedio. I centri sportivi, le associazioni educative e culturali e gruppi di giovani, cercano di organizzare nuove attività e rispettare le tradizioni come forma di salvaguardia della propria identità. Si collegano al mondo esterno via internet e provano a realizzare quello che li avvicina di più alla voglia di vivere e ad una speranza per il futuro. Ed è cosi che sono nate le proposte e i progetti, di scambio e di sostegno tra l’Italia e la Striscia di Gaza invitando le popolazioni ad entrare nel loro paese e a sostenere anche solo un percorso che possa essere di unione al resto del mondo. Cultura e Sport fanno parte del patrimonio importante delle popolazioni ma che troppo spesso viene negato, a causa di politiche repressive e di sopraffazione. Sostenere e promuovere questi aspetti attraverso pratiche di scambio, dialogo e comunicazione, non può far altro che educare e sviluppare la libertà di un popolo alla convivenza.

Il centro italiano ha oltretutto una funzione di coordinamento, con lo scopo di riunire e monitorare le varie associazioni culturali e sportive esistenti nella striscia, per attivare interventi di scambio e preparare proposte di attività e di formazione tra le associazioni locali e internazionali.

Il centro Italiano è gestito e coordinato da personale volontario, sia locale che italiano; di fatto è già un punto di riferimento per le varie associazioni e le singole persone ed è già operativo per la promozione di eventi e attività, in grado di creare una rete di collegamento e di coordinamento con le associazioni culturali, le strutture sportive, il Comitato Olimpico locale, nonchè con le istituzioni competenti (Ministry of Culture, Ministry of Youth and Sport – Ministry of Education).

ATTIVITA’ – 2014

 

Nell’ambito delle attività del Centro italiano, volte a diffondere conoscenza e scambio culturale tra le due rispettive culture – Italiana e Palestinese – si stanno realizzando attività specifiche rivolte ai giovani, ai bambini, alle donne e uomini di Gaza.

 

Corso di base della lingua Italiana: 40 ore di didattica frontale per giovani studenti che studiano presso le Università nella Striscia di Gaza.

Attualmente nelle Università di Gaza non è presente l’insegnamento della lingua italiana, attività invece molto richiesta dagli studenti e dai giovani interessati alla cultura italiana.

Presso il Centro italiano di scambi culturali, vengono organizzati periodicamente corsi di base, con lo scopo di fornire le basi all’approccio linguistico e alla cultura italiana. Il corso è tenuto da un insegnate locale abilitato all’insegnamento della lingua e viene rilasciato un certificato di partecipazione. Durante il corso inoltre, si svolgeranno attività di conoscenza della cultura e tradizioni italiane (cucina, cinema, musica).

Realizzati 4 corsi di base e uno avanzato (Progetto Pop-Up, finanziato dalla commissione europea per gli scambi culturali giovanili). In preparazione Erasmus Plus in cooperazione con CISS

 

Attività artistiche di pittura e fotografia: nell’ambito delle attività artistiche si stanno realizzando in Italia mostre di fotografia e pittura con l’associazione locale di arte contemporanea “Shababik”; diverse gallerie di arte in Italia stanno esponendo una serie di lavori artistici provenienti dalla Striscia di Gaza. Nei prossimi mesi alcuni lavori di artisti italiani e palestinesi insieme, saranno esposti al Centro Italiano. Lo scopo dello scambio è far conoscere il lavoro artistico fotografico e pittorico di entrambe le parti, valorizzando il lavoro di comunicazione esistente tra queste due fasce. A questo proposito sono in preparazione contemporaneamente, esposizioni e piccoli laboratori di fotografia e pittura, rivolta a bambini e i giovani, che si terranno presso il locali dl centro Italiano insieme a associazioni italiane che visiteranno il centro. Il progetto, sponsorizzato dal noto scrittore e artista Camilleri, ha lo scopo di conoscere il lavoro artistico e contemporaneo esistente tra le fasce giovani e meno giovani che si approcciano all’arte:

http://www.exibart.com/Print/notizia.aspIDNotizia=42260&IDCategoria=244

http://www.fotografisenzafrontiere.org/shownews.php?b=27&site=151d438.html

 

E’ stata inoltre attivata una collaborazione di lavoro didattico e formazione con la Facoltà di “Fine Art” dell’Università di Al Aqsa di Khan Younis; a questo proposito sono in preparazione scambi didattici, borse di studio, workshop e seminari interni per gli studenti della Facoltà.

 

Attività estive con il volontariato italiano: La mancanza di spazi di movimento e iniziative di svago per i più piccoli, determinano situazioni di disagio e difficoltà di comunicazione tra le generazioni e i generi. Per rendere attivo lo sviluppo di conoscenza reciproca, si organizzano, campi estivi con le associazioni locali; attività di interscambio culturale e sportivo rivolto a giovani e bambini durante l’estate che saranno condotti da volontari italiani e associazioni locali che già operano nel Centro Italiano con attività per l’infanzia. E’ inoltre possibile realizzare un periodo di volontariato nel centro italiano a Gaza durante l’anno, preparando un preciso progetto di interesse rivolto ai giovani, alle donne e ai bambini.

 

Scambi vs Italia / Gaza: Attività di scambio verso l’Italia con borse di studio, gemellaggi scolastici, attività culturali e viceversa scambi dall’Italia verso la Striscia di Gaza per formazione, workshops ed eventi locali di sport e cultura.

 

Il cinema di Gaza: vince a Torino e richiesto dall’ufficio delle Nazioni Unite per l’anno della Palestina 2014. StripLife, docu/fiction realizzato nella Striscia di Gaza da 5 giovani registi italiani e 7 personaggi della popolazione locale, hanno mostrato la vita quotidiana di Gaza in un giorno. Lavoro corale e produzione collettiva tra il Centro Italiano e Kanhan, con autofinanziamenti dal basso. Ha partecipato a vari Festivals internazionali il film è stato presentato e proiettato nei territori Palestinesi della West Bank e Striscia di Gaza. Programmazione in corso. http://www.teleimmagini.tv/striplife/.


English Version


                                             

اترك تعليقاً

لن يتم نشر عنوان بريدك الإلكتروني. الحقول الإلزامية مشار إليها بـ *